Arabia Saudita: neonato muore e la baby-sitter viene decapitata

Rizana Nafeek è il nome della ragazza originaria dello Sri Lanka che nel 2005 si era recata in Arabia Saudita per fare la baby-sitter presso una ricca famiglia locale.

rizana passport

Qualche mese dopo il bimbo di quattro mesi da lei accudito muore mentre lo stava allattando con il biberon.

Rizana è stata forzata a suon di botte a confessare di aver volontariamente soffocato il neonato e nel 2007 un tribunale l’ha condannata per omicidio alla massima pena della decapitazione con spada.

RIZANA RELEASE INNOCENT

Associazioni umanitarie e lo stesso governo cingalese si sono mossi per tentare di salvarla ma senza alcun risultato: la ragazza è stata decapitata ieri nei pressi di Riad. Fra le associazioni, significativo è stato l’aiuto di Amnesty International, che aveva organizzato una campagna internazionale per chiedere la grazia della baby-sitter.

“Sarebbe scandaloso se Rizana Nafeek venisse giustiziata. Era una bambina al momento dei fatti e vi sono forti dubbi circa l’equità del processo” – Philip Luther (direttore di Amnesty International per il Medio-Oriente e il Nord Africa)

La giovane donna giustiziata era minorenne al momento del reato. Forte lo sdegno espresso: Amnesty International che ha accusato Riad di aver violato la Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e Human Rights Watch ha invitato le autorità a escludere la pena capitale per i minorenni.

YB

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...