Lettera agli italiani di Beppe Grillo

Beppe Grillo ha scritto oggi sul suo blog una lettera aperta a tutti gli italiani.

grillo lettera agli italiani

Ve la ripropongo.

“L’Italia deve diventare una comunità, nessuno deve essere lasciato indietro. E’ intollerabile, inumano, vedere le file di esodati, sfrattati, disoccupati alle mense della Caritas mentre chi ha sprofondato il Paese nella miseria si muove con la scorta, l’auto blu, senza alcuna preoccupazione economica. I partiti sono i primi responsabili di questa situazione, hanno occupato lo Stato, lo hanno svenduto, spolpato da dentro. Ora, queste persone si presentano, grazie ai giornali e alle televisioni che controllano, come i salvatori della patria, proprio loro che l’hanno affossata, usata per i loro interessi. L’Italia ha le tasse tra le più alte del mondo, uno dei maggiori debiti pubblici, un tasso di disoccupazione, soprattutto giovanile, che ha fatto emigrare in pochi anni un milione e mezzo di ragazzi italiani, diplomati, laureati con il sacrificio dei loro genitori. E’ ora di dire basta, questa commedia deve finire o finirà il Paese. Non abbiamo più tempo, dobbiamo mandarli tutti a casa. Tutti coloro che fanno parte di questo marcio sistema, devono andarsene, sparire, ma prima devono giustificare il loro eventuale arricchimento. Io non chiedo il tuo voto, non mi interessa il tuo voto senza la tua partecipazione alla cosa pubblica, il tuo coinvolgimento diretto, se il tuo voto per il M5S è una semplice delega a qualcuno che decida al tuo posto, non votarci. Questo Paese lo possiamo cambiare solo insieme, non c’è alternativa. Usciamo dal buio e torniamo a rivedere le stelle. Lo Stato deve proteggere i cittadini o non è uno Stato, per questo va istituito il reddito di cittadinanza. Io sono Stato, tu sei Stato, noi siamo Stato. Riprendiamoci l’Italia” – Beppe Grillo

20 punti per uscire dal buio

YB

One thought on “Lettera agli italiani di Beppe Grillo

  1. Si, e’ vero, le tasse troppo alte, i ragazzi che sono costretti a emigrare . . . E noi che cerchiamo di resistere siamo stritolati anche da chi le tasse ne paga pochissimo rispetto a quanto guadagna, e inoltre porta i soldi nei loro paesi, e’ il caso della realtà cinese di cui nessuno parla, davvero l’Italia sta diventando così di basso livello, usata e sfruttata anche da tutti costoro, e con l’Italia noi italiani, si parla molto di razzismo ma personalmente mi sento molto razziata, ho un esercizio commerciale e dopo poco tempo alla mia sinistra a tre metri e alla mia destra a dieci metri di distanza hanno cambiato merceologia le due attività’ cinesi mettendo gli stessi miei prodotti, non solo, facendomi anche concorrenza sui prezzi. Nel giro di pochi mesi ho avuto tre verbali dalla gdf,tutti regolari ovviamente in quanto emetto tutti gli scontrini, e loro? Dopo due verbali della gdf per mancata emissione scontrino hanno cambiato ragione sociale e questo e’ già avvenuto ben tre volte nell’ arco di cinque anni. Malgrado il locale dove opero sia di mia proprietà’ ed emettendo oltre i cento scontrini giornalieri non so fino a quando potrò resistere, loro fanno circa dieci scontrini al giorno e pagano affitti di circa tremila euro. Cercando di optare al problema della concorrenza visti i cambiamenti di persone nei locali cinesi mi sono proposta per poterli prendere in affitto programmando attività’ differenti, ma visto che a me occorreva un contratto dell’ effettivo importo che avrei dovuto pagare, anche se non mi e’ stato comunicato esplicitamente, non mi è stato possibile concludere la trattativa. Dove sono i controlli della gdf in merito a questo? E gli studi di settore? Valgono solo per noi italiani? Anche io credo che se tutti paghiamo le tasse tutti paghiamo meno tasse. Ma chi sono i tutti, visti i risultati ? Forse i tutti siamo solo noi, che facciamo parte di quelli che non hanno lasciato ancora il loro paese, o di quelli che strozzati dalla disperazione si sono suicidati, quelli che credevano nello stato come ad un padre, ma chi ci può aiutare in tutto questo? Che valore e’ rimasto delle loro vite spezzate? e le loro famiglie? Eppure e’ risaputo che ogni anno milioni di euro in nero escono dal nostro paese. Questi soldi non sarebbero un aiuto per la nostra economia? davvero siamo diventati tutti incapaci di fare commercio? Nella mia stessa situazione ci sono tantissime persone, basti guardare i vari siti. Per coloro che adempiano al loro dovere e’ giusto che abbiano anche i loro diritti, il diritto che la legge sia uguale per tutti. Perché , malgrado sia un problema reale, davanti agli occhi di tutti, politicamente nessuno lo affronta? La Cina ha pagato gran parte del debito pubblico ma i contraccolpi di questo commercio li paghiamo sempre noi! In questo modo il commercio lo sappiamo fare tutti! Parlando italiano e avendo il sorriso sulle labbra quando riceviamo il cliente!
    Caro Beppe, cosa pensi di tutto ciò? Dal profondo della tua correttezza come uomo e come politico quale ti batti, attendo un tuo commento. Grazie.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...